La Cianfrusoteca

cianfrusotecaCOS’È LA CIANFRUSOTECA La Cianfrusoteca è il banco di raccolta, il luogo stabile di ubicazione delle cose “ingombranti”, un mercato permanente dell’usato dove si favorisce lo scambio di qualsiasi bene con altri beni, senza impegnare il denaro, con l’obiettivo di allungarne la vita.
Allo stesso tempo, un luogo fisico e virtuale, dove poter rivalutare la pratica del dono, di scambio relazionale, di idee, esperienze e buone pratiche aperto agli incontri, alle condivisioni, alle campagne di sensibilizazzione sui temi dello sviluppo sostenibile e delle nuove prassi etiche e civiche, intese come approccio innovativo alla improrogabile questione ambientale.

COME FUNZIONA Capire come funziona la Cianfrusoteca è semplicissimo: basta saper contare sino a 3!
1
. Porti un oggetto che ritieni inutile.
 Ogni cittadino può depositare, nello spazio espositivo, dei beni che ritiene “inutili o ingombranti” ottenendo in cambio o un bene dello stesso valore tra quelli presenti nella cianfrusoteca o un buono creditizio cumulabile e spendibile successivamente.
2
. Scegli un oggetto che ritieni utile.
 Tutte le “cianfrusaglie” hanno un valore creditizio e sono a disposizione dell’utenza: dall’abbigliamento agli accessori, dall’oggettistica d’arredamento ai giochi di società, dai libri alle borse e alle valigie da viaggio. Tutto è disponibile e immediatamente fruibile.
3.
Scambi senza usare il denaro. Lo scambio avviene con riferimento al valore creditizio dei beni valutato attraverso la definizione di una griglia preventivamente stabilita e suddivisa in categorie. Su una scheda personale (Cianfrusocard) si tiene traccia delle transazioni annotando il totale del conto credito.

Scarica qui il Regolamento CIANFRUSOTECA.