Archivio News

“La primaVERA maniFESTA”: altre forme di economia a confronto

10417521_675515622495752_6474131893347667295_n copia«Non c’è altro modo di generare cambiamento se non a partire dal basso, dalle comunità e dalla loro consapevolezza». È con questa convinzione che l’associazione ARCI “lab. Omar Moheissi”, promuove per il settimo anno consecutivo “La primaVERA maniFESTA: Autoproduzione, dono e ospitalità”. 

Domenica primo di giugno a Villa Baldassarri nel cuore del borgo si potrà trovare una grande festa di comunità in un piccolo paese del Salento. L’idea di fondo è di sviluppare un percorso di resistenza consapevole per la difesa del saper fare e di tutto quel patrimonio immateriale comunitario costantemente mortificato dal processo di omologazione che viviamo.
Il programma della manifestazione è articolato in un percorso di partecipazione attiva della comunità e sostenuto da tante associazioni che da anni lavorano certi dell’idea che «il cambiamento siamo noi» e che una società sobria, equa e giusta sia non solo possibile ma necessaria. Al centro della serata conviviale ci sono musica, teatro per grandi e piccoli, leccornie locali e vino contadino a cui si aggiungerà baratto e dono grazie al contributo degli amici di Luogo Comune e Cianfrusoteca. Non mancherà un momento di riflessione e di confronto con un dibattito sui temi legati all’autoproduzione e alle nuove forme dell’agricoltura e al quale prenderà parte Daniel Tarozzi, autore del libro “Io Faccio così – Viaggio in camper nell’Italia che Cambia”  e animatore del blog www.italiachecambia.org. A seguire la proiezione in anteprima di un documentario che cerca di ricostruire le esperienze vissute dai “ribelli del consumismo e dell’agricoltura cosiddetta convenzionale”.

«Nella festa vediamo l’opportunità di manifestare la nostra convinzione che un’altra idea di comunità è ancora possibile. Per noi è una giornata vissuta nella convivialità delle relazioni, in cui è possibile affrancarsi dal denaro, fruire di cultura, gustare insieme le specialità culinarie e, nello stesso tempo, si possa riflettere sulla dimensione comunitaria: dalla bontà delle produzioni caserecce alla generosità dei suoi abitanti. Ovviamente siete tutti invitati» è quanto fanno sapere dalle associazioni organizzatrici.

Partecipano, in vario modo, al progetto le associazioni Il Formicaio, FucinAsud, Cianfrusoteca.
Il primo di giugno, vi aspettiamo, tutti in piazza, per una società conviviale!

Ecco il programma completo della giornata: Read more

Swap Party: un altro modo per riusare

Swap loc

Swapping: il riuso in ogni salsa. Il prossimo 10 Maggio, presso le officine cantelmo a Lecce, ti invitiamo a partecipare allo swap party, la festa dello scambio. In questa occasione potrai cogliere una grande opportunità per rinnovarti non solo il guardaroba in questo cambio di stagione, ma potrai donare o/e scambiare il libro che hai già letto, l’oggetto che non usi più, gli accessori che hai dimenticato in un angolino del tuo armadio; porta quello che a te non serve e divertiti con lo Swapping! Tornerai a casa con qualcosa di nuovo.
Lo swap party è un momento di incontro e di svago, un’occasione per fare nuove amicizie. Per cui, prima di tutto, portate un sorriso!

Partecipare significa dare un contributo all’ecologia poiché scegliamo di alimentare il circuito del riuso invece che quello del consumo. Significa essere consumatori critici, informati, consapevoli; risparmiare materie prime, energia e soldi!

DONA, SCAMBIA, RIUSA. La cianfrusoteca vi aspetta!

Di seguito regolamento e programma della giornata: Read more

Laboratori sul riuso alla Città del Libro

quotidiani_italianiDomani a Campi Salentina si apre la diciannovesima edizione della Città del Libro. Un programma molto articolato e intenso che per la prima volta mostrerà un’attenzione particolare all’ecosostenibilità. Dal marchio Ecofesta Puglia al cinema indipendente tematico, dai workshop alle innumerevoli attività laboratoriali con le scuole. E proprio in quest’ultime attività saremo impegnati anche noi. La missione è quella di sempre: porre in evidenza l’insostenibilità del modello socio-culturale occidentale e l’insensatezza delle azioni che lo sostengono. In particolare, con il laboratorio sul riuso dei quotidiani porremo in evidenza come il RIUSO, per l’appunto, è un’alternativa virtuosa e necessaria che anticipa il RICICLO. Non tutti lo sanno e sovente si tende a confondere le due azioni, entrembe importanti ma sostanzialmente diverse.
Dona, scambia, riusa!

Qui il programma completo.